Adesivi murali: come si applicano e 3 errori da evitare assolutamente

Adesivi murali: come si applicano e 3 errori da evitare assolutamente

Ah, questi sconosciuti, gli adesivi murali. Come si applicano? Cosa sono? Come sceglierli, dove comprarli? Domande, domande, domande! Niente, nella decorazione di una casa, solleva più interrogativi degli wall stickers. In realtà non se la meritano tutta questa diffidenza: pratici, semplici da attaccare, arredano con poco e ci permettono di personalizzare la nostra casa. Andiamo a conoscerli un po’ meglio!

.

Fino a poco tempo fa le case erano tutti uguali: sulle pareti si attaccavano solo i quadri e, al più, le foto incorniciate. Che tristezza! L’ingrandimento del matrimonio sopra al camino era il massimo dell’avanguardia, il quadro appeso sopra al letto un must irrinunciabile.

Ma oggi (e meno male!) le cose sono cambiate. Le idee circolano, l’offerta è cresciuta e le possibilità di personalizzare la casa sono diventate infinite.

.

adesivi murali dove comprarli

.

Però c’è un tipo di decorazione che a molti sembra ancora strana, difficile, poco pratica. Degli articoli che sollevano più domande di un quiz a premi. Sono proprio loro, gli adesivi murali! Come si applicano? Chi sono? Da dove vengono? Cosa vogliono da noi?

In realtà non è difficile capire come attaccare gli adesivi murali. Forse una volta lo era: gli stickers di qualche anno fa richiedevano una estrema precisione nell’applicazione – e se sbagliavi eri fregato. Ma questo tipo di decorazione si sta evolvendo rapidamente e oggi attaccare uno sticker è diventato più semplice.

Per molti il problema degli adesivi murali non è solo come applicarli, ma anche come sceglierli e dove posizionarli. In realtà l’unica regola è il nostro gusto personale: puoi attaccare gli stickers in camera da letto (magari al posto della testata), oppure sopra al divano, in cucina, nella cameretta dei bambini.

.

adesivi murali con fiori camera da lettoIdee di stile: adesivi murali con fiori usati come testata del letto

.

Possono nascondere una macchia sul muro o ravvivare un angolo un po’ spento della casa. Non hanno spessore, per cui sono adatti anche a decorare gli spazi stretti (come un corridoio, dove i quadri appesi rischiano di dar fastidio).

La domanda numero uno, però, è sempre la stessa:

.

Cosa sono gli adesivi murali?

Prima cosa da chiarire: quando parliamo di wall stickers, il più delle volte stiamo parlando di adesivi murali in vinile. Esistono rari casi di adesivi in stoffa, ma non ce la sentiamo di consigliarli; sono scomodi e difficili da pulire. Il vinile, invece, ha una superficie impermeabile (così puoi attaccarlo anche in bagno, purché al sicuro dal contatto diretto con l’acqua) di spessore pari a zero. Uno sticker è così sottile che sembra quasi dipinto sulla parete.

Ecco cosa sono gli adesivi murali, dei motivi che sembrano disegnati direttamente sul muro. Con il vantaggio che si fondono con l’ambiente in maniera molto armoniosa.

Esistono due tipi di wall stickers, sagomati e non. Ormai sono quasi tutti del primo tipo. La varietà dei soggetti è infinita: adesivi murali con fiori, con scritte, con animali; adesivi geometrici o dal gusto barocco; adesivi minimal e monocromatici o autentiche esplosioni di colore. Impossibile non trovare quello che fa al caso nostro.

.

cosa sono gli adesivi murali

Adesivi murali: cosa sono? Applicazioni che sembrano dipinte sulla parete!

.

Sono così versatili da potersi adattare davvero ad ogni angolo della casa. E il bello è che quando ci stanchiamo possiamo rimuoverli e, magari, sostituirli con un nuovo disegno. Oggi le case non sono granitiche e immutabili come una volta, ci piace cambiare. Ci stanchiamo più in fretta. Gli adesivi murali, a differenza di tante altre decorazioni, si adattano al nostro bisogno di novità.

E come nasce un wall sticker? Per i più curiosi, gli adesivi murali vengono sagomati con un plotter da taglio. Una stampante che, anziché “colorare” (in qualche caso, ovviamente, fa entrambe le cose!), incide il vinile con un bisturi dandogli la forma desiderata. L’accuratezza di questi macchinari è estrema: basta sfogliare il nostro shop online per avere un’idea della cura per il dettaglio che è possibile raggiungere.

Precisione massima, creatività, adattabilità e possibilità di personalizzazione: ecco, in sostanza, cosa sono gli adesivi murali!

 .

Come attaccare adesivi murali. Ma cosa c’è di tanto difficile?

.

come attaccare adesivi murali

.

E qui vengono i nodi al pettine. Ti avranno detto che è difficile imparare come attaccare gli adesivi murali. Ti avranno detto che non puoi sbagliare, che una volta posizionati non si torna più indietro.

Purtroppo, effettivamente, il più delle volte non è semplice. Bisogna armarsi di pazienza, segnare attentamente le misure, pregare che non si formino bolle durante l’applicazione. E guai a scegliere un adesivo lungo con la base piatta! Se non è perfettamente dritto si noterà subito. L’occhio andrà sempre lì. Se sbagli, una volta applicato non si torna più indietro.  Insomma: attaccare adesivi murali, una volta, era una faccenda da ingegneri.

.

E adesso? Dimentica tutto e semplificati la vita!

Per fortuna amiamo le cose semplici. Capire come attaccare adesivi murali (ma, in generale, arredare e decorare la propria casa) non dovrebbe essere uno stress, ma un piacere.

Ci abbiamo provato, ad applicare gli adesivi “classici”: non è impossibile, certo, ma non è nemmeno alla portata di tutti. Chi non ha un talento per il bricolage rischia di non trovarsi bene. Lo abbiamo sperimentato noi stessi e… non sempre è finita nel migliore dei modi!

Per questo abbiamo cercato, sperimentato e selezionato un materiale un po’ diverso dal solito. Un tipo di vinile che è possibile staccare e riattaccare più volte. Così, se la prima volta sbagli a posizionarlo (e, fidati: succede spesso!), potrai correggere il tiro. L’importante è farlo subito, prima che la colla faccia davvero presa.

.

come attaccare adesivi murali

.

E se hai bisogno di qualche altro consiglio su come attaccare un adesivo murale… ecco 3 errori da evitare assolutamente:

  1.  Scegliere la superficie sbagliata. Ecco una domanda che ci viene fatta spesso sugli  adesivi murali: come si applicano su una parete porosa, ruvida, in pietra, in mattoncini? Risposta: non si applicano. Purtroppo, qualunque tipo di decorazione da incollare ha bisogno di una superficie liscia e pulita. Altrimenti il risultato non sarà perfetto. D’altronde, un muro in pietra o in mattoncini è già bello così: usa il tuo adesivo murale per dare un twist a una parete semplice e bianca. È lì che c’è bisogno di un po’ di colore!

  2.  Non prendere bene le misure. La fretta è cattiva consigliera. Studia bene la parete, valuta l’eventuale presenza di mobili o di altre decorazioni murali, fai delle prove con l’adesivo ancora imballato prima di attaccarlo. Basta qualche accortezza per ottenere un risultato da professionisti. Un piccolo errore si può correggere staccando e riattaccando subito lo sticker… una svista madornale no!

  3.  Attaccare adesivi murali da soli. Consigliamo sempre di essere in due a fare questo lavoro: se anche si trattasse, ad esempio, di un adesivo piccolo e facilissimo da attaccare, avrai comunque bisogno di qualcuno che ti osservi da un paio di metri di distanza per controllare che sia diritto. Valutare bene da vicino è difficile, se non impossibile. E poi, con un amico è tutto più divertente!

.

Ricapitolando: ma questi adesivi murali come si applicano?

Con pazienza, ma senza paura di sbagliare; nella camera, in bagno o dove preferisci tu; su una superficie liscia e pulita; con l’aiuto di un amico. E adesso che sai tutto, buon lavoro (e buon divertimento)!

Pubblicato il 30/10/2018 Consigli di stile, Adesivi murali 617
Prec
Succ

No products

To be determined Shipping
0,00 € Totale

Procedi con l'ordine